Scatta una foto di te stesso, ha detto un fotografo professionista ai migranti e ha vinto un concorso globale

L’australiano Adam Ferguson è diventato il vincitore assoluto di uno dei più importanti concorsi fotografici dei Sony World Photography Awards di quest’anno. Ha vinto con il set Migrantes, che sono ritratti in bianco e nero di persone in fuga dal Messico negli Stati Uniti. Sorprendentemente, ha lasciato che i fotografi tirassero l’otturatore da soli. Anche il fotografo ceco Roman Vondrouš di ČTK ha ottenuto il terzo posto nella categoria Sport quest’anno.

I Sony World Photography Awards sono considerati l’equivalente fotografico degli Oscar del cinema e riflettono la direzione in cui sta andando la fotografia moderna e le tendenze che ne stanno emergendo. Potete vedere un’anteprima dei vincitori della categoria per i fotografi professionisti nella gallery accanto a questo articolo.

La serie vincitrice del fotografo australiano Adam Ferguson Migrantes consiste in autoritratti in bianco e nero di rifugiati messicani in attesa di attraversare il confine con gli Stati Uniti. Ferguson ha lavorato con i fotografi per scattare foto, impostare una scena per ogni scatto, installare una fotocamera di medio formato con un treppiede con cavo sul treppiede, quindi si è allontanato per consentire alle persone di scegliere quando scattare foto di se stesse.

Ferguson ha osservato che mentre le immagini statunitensi del confine che documentano la crisi migratoria sono inondate, ce ne sono molte meno dalla parte messicana. Allo stesso tempo, sentiva che le foto finora non consentivano ai migranti di esprimersi. Così ha ideato un progetto per il New York Times, in cui ha intrapreso un viaggio di undici giorni a Juarez e Reynosa tra aprile e maggio 2021. Ha spesso registrato storie molto fastidiose di persone che hanno deciso di attraversare il confine.

“Il modo in cui ha lavorato con le famiglie e gli individui migranti è profondamente compassionevole e commovente. Questa serie di ritratti mostra come l’intento morale e il rispetto possono aiutare a evitare i sentimenti di manipolazione e invasione della privacy che la fotografia è spesso accusata”, ha affermato il presidente della giuria . Mike Trow. “Dando ai suoi soggetti un trigger, dà al soggetto il potere di decidere come verranno percepiti. Queste foto sono belle, significative e gentili”, ha aggiunto.

La fotografia ceca sta facendo bene, salendo al terzo posto dopo la vittoria dello scorso anno

La fotografia ceca ha fatto eccezionalmente bene negli ultimi anni in questa importante competizione mondiale. Nel 2019 Martin Stranka ha vinto la parte aperta del concorso nella categoria Fotografia Creativa. L’anno scorso, il fotografo di Aktuálně.cz Tomáš Vocelka ha vinto la parte professionale del concorso nella categoria Architettura e Design, diventando così il primo vincitore ceco nella storia ad essere un professionista. Quest’anno ha aggiunto il terzo posto nella categoria Sport all’agenzia di stampa ceca Vondro romanoincentrato sui fan della squadra di calcio Bohemians Praha 1905 durante la pandemia.

Quest’anno, oltre 340.000 film provenienti da 211 paesi hanno partecipato al concorso Sony World Photography Awards e più di 156.000 film al concorso professionale, il numero più alto nella storia di questo concorso.

Puoi anche guardare i vincitori di quest’anno in un video pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Fotografia (worldphoto.org/cerimonia-2022). Una selezione di immagini dei finalisti e dei fotografi nominati sarà in mostra alla Somerset House di Londra dal 13 aprile al 2 maggio 2022.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.