The Best Chef Awards 2022: i candidati

La Spagna è il paese con il maggior numero di candidati al premio

[Manu Balanzino / Rebeca Flores] I Best Chef Awards hanno svelato i candidati per questa edizione 2022. Da sei anni viene assegnato questo premio, che mira a promuovere la gastronomia e il talento, per rendere omaggio al lavoro, alla creatività e alla visione degli chef di tutto il mondo.

Lo chef spagnolo Dabiz Muñoz, a capo del ristorante madrileno DiverXo (3 stelle Michelin), è stato il vincitore dello scorso 2021. Inoltre, nella precedente edizione, 13 posizioni sono state ricoperte da chef spagnoli.

Quest’anno sono rappresentati nella TOP 100 gli chef di 11 ristoranti provenienti da tutto il territorio nazionale: Fina Puigdevall & Martina Puigvert (Les Cols, Girona); Danny Garcia (Gruppo Dani Garcia); Alberto Sarto (Bo.TiC, Girona); Javier e Sergio Torres (Cucina Hermanos Torres, Barcellona); Ricardo Camarena (Ricard Camarena, Valenza); Javier Oleros (Culler di Pau, Pontevedra); Giordi Villa (Alchimia, Barcellona); Victor Arguinzoniz (Etxebarri, Biscaglia); Paco Perez (Guardare, Girona); Mario Sandoval (Coca Cola, Madrid); e lo chef argentino Paolo Airaudodi fronte ad Amelia (San Sebastián).

R) Sì, La Spagna è il Paese con il maggior numero di chef presenti, seguita da Italia e Francia con nove rappresentanti ciascuna. Il Giappone riesce a posizionare sette chef, mentre l’Argentina è presente con sei chef e la Danimarca con cinque.

L’anno scorso la cerimonia si è svolta ad Amsterdam. Ora, con 100 candidati pubblicati, è tempo di aspettare l’annuncio della nuova sede.

Per selezionare i candidati annuali viene stilata una lista di 200 candidati: 100 nuovi (composti da un gruppo di esperti composto da giornalisti, fotografi, critici e gastronomi) ei vincitori della scorsa edizione. Da questa lista e dopo il voto di professionisti, chef e candidati, viene stabilita la nuova graduatoria.

Elenco dei candidati per The Best Chef 2022

  1. Fina Puigdevall & Martina Puigvert, Les Cols (Girona, Spagna)
  2. Giovanni Solofra, Tre Olive Paestum (Paestum, Italia)
  3. Arnoud Bignon, Spondi (Atene, Grecia)
  4. Francisco ‘Paco’ Ruano, sindaco (Guadalajara, Messico)
  5. Eiji Taniguchi, Cucina regionale L’evo (Toyama, Giappone)
  6. Dani Garcia, Gruppo Dani Garcia (Madrid, Spagna)
  7. Jose Niland, San Pietro (Paddington, Australia)
  8. Duan Yu, Poetry-Wine (Pechino, Cina)
  9. Tala Bashmi, Fusion di Tala (Manama, Bahrein)
  10. Gareth Ward, Ynyshir (Machinelleth, Regno Unito)
  11. Szabina Szulló – Tamás Széll, Stand (Budapest, Ungheria)
  12. Bertrand Grebaut, Septime (Parigi, Francia)
  13. Stefano Baiocco, Villa Feltrinelli (Gargnano, Italia)
  14. Nozomu Abe, Sushi Noz (New York, USA)
  15. Matias Perdomo, Contrasto (Milano, Italia)
  16. Ha cantato Hoon Degeimbre, L’air du Temps (Eghezee, Belgio)
  17. César Ramírez, Chef’s Table presso Brooklyn Fare (New York, USA)
  18. Ricardo Chaneton, MONO (Hong Kong, Cina)
  19. Albert Sastregener, Bo.TiC (Girona, Spagna)
  20. JoAo Oliveira, guarda (Portimao, Portogallo)
  21. Maxime Gilbert, Scrivere (Hong Kong, Cina)
  22. Edson Yamashita, Ryo Gastronomia (San Paolo, Brasile)
  23. Antonio Zaccardi, Pascià (Conversano, Italia)
  24. Kirk Westway, gen (Singapore, Singapore)
  25. Akos Sarkozi, Borkonyha (Budapest, Ungheria)
  26. Talib Hudda, arbitro (Pechino, Cina)
  27. Gerald Passedat, Le Petit Nice (Marsiglia, Francia)
  28. Kristian Baumann Koan (Copenhagen, Danimarca)
  29. Jacob Holmström & Anton Bjuhr, Gastronomia (Stoccolma, Svezia)
  30. Fregio Van Amerongen, Wils (Amsterdam, Olanda)
  31. Xrysw Ruelas e Oscar Secondo, Xokol (Guadalajara Messico)
  32. Karen Torosyan, Bozar (Bruxelles, Belgio)
  33. Jessica Rosval, Casa Maria Luigia (Modena, Italia)
  34. Javier e Sergio Torres, Cucina dei fratelli Torres (Barcellona, ​​Spagna)
  35. Tom Aikens, musa (Londra, Regno Unito)
  36. Paul Pairet, ultravioletto (Shanghai, Cina)
  37. Noè Sandoval, Rigogolo (Chicago, Stati Uniti)
  38. Edip Sigl, Es:senz (Grassau, Germania)
  39. Fernando Rivarola, El Baqueano (Salta, Argentina)
  40. Dong Zhenxiang, Da Dong (Pechino, Cina)
  41. Mickael Viljanen, capitolo uno (Dublino, Irlanda)
  42. Deepanker Khosla, Haoma (Bangkok, Tailandia)
  43. Vaughan Mabee, Amisfield (Queenstown, Nuova Zelanda)
  44. Jimmy Lim Tyan Yaw, JL Studio (Città di Taichung, Taiwan)
  45. Shinobu Namae, L’effervescenza (Tokyo, Giappone)
  46. Michael Van Der Kroft, Tre Tacos (Rotterdam, Paesi Bassi)
  47. Emmanuel Renaut, Fiocchi di sale (Megève, Francia)
  48. Brian Mark Hansen, S∅ller∅d Kro (Holte, Danimarca)
  49. Ricard Camarena, Ricard Camarena (Valencia Spagna)
  50. John Shields, Smyth (Chicago, Stati Uniti)
  51. Domenico Marotta, Marotta (Squille, Italia)
  52. Javi Olleros, Culler de Pau (Pontevedra, Spagna)
  53. Hrvoje Kroflin, ManO2 (Zagabria, Croazia)
  54. Andrew Walsh Cura (Singapore, Singapore)
  55. Alvaro Clavijo, El Chato (Bogotà Colombia)
  56. Pablo Rivero, Don Giulio (Buenos Aires, Argentina)
  57. Jordi Vila, Alchimia (Barcellona, ​​Spagna)
  58. Riccardo Camanini, Lido84 (Gardon Riviera, Italia)
  59. Rodrigo Oliveira, Mocoto (San Paolo, Brasile)
  60. Szilard Taltro, sale (Budapest, Ungheria)
  61. Victor Arguinzoniz, Etxebarri (Biscaglia, Spagna)
  62. Yusuke Namai, Ode (Tokyo, Giappone)
  63. Kamilla Seidler, Lola (Copenhagen, Danimarca)
  64. Parco Junghyun, Atomix (New York, Stati Uniti)
  65. Giulio Martin B.uneh, Giulia (Buenos Aires, Argentina)
  66. Juan-Luis Martínez, Merito (Lima, Perù)
  67. Jeremy Chan Ikoyi (Londra, Regno Unito)
  68. Helene Darroze, Helene Darroze (Parigi, Francia)
  69. Felix Lo Basso, Felix Lo Basso (Milano, Italia)
  70. Eyal Shani, HaSalon (Tel Aviv-Yafo, Israele)
  71. Kyle Connaughton, filo singolo (Healdsburg, USA)
  72. Mitsuharu Tsumura, Maido (Miraflores, Perù)
  73. Niki Nakayama, N/naka (Los Angeles USA)
  74. Moreno Cedroni, Madonna del Pescatore (Senigallia, Italia)
  75. Mingoo Kang, confonditi (Seoul, Corea del Sud)
  76. Santiago Lastra, Kol (Londra, Regno Unito)
  77. Natsuko Shoji, questo (Tokyo, Giappone)
  78. Paco Perez, Miramar (Girona, Spagna)
  79. Gonzalo Aramburu, Aramburu (Buenos Aires, Argentina)
  80. Ed Verner, Pascolo (Auckland, Nuova Zelanda)
  81. Debora Fadul, Diaca (Città del Guatemala, Guatemala)
  82. James Gaag, La colomba (Città del Capo, Sud Africa)
  83. Nicolai Nørregaard, KADEAU (Copenhagen, Danimarca)
  84. Bruno Verjus, Pittura (Parigi, Francia)
  85. Soren Selin, AOC (Copenhagen, Danimarca)
  86. Peter Tempelhoff, ristorante FYN (Città del Capo, Sud Africa)
  87. Atsushi Tanaka, Ristorante AT (Parigi, Francia)
  88. Pedro Bargero, CILA (Buenos Aires, Argentina)
  89. Garima Arora, Gaa (Bangkok, Tailandia)
  90. Cantato Anh, Mosu (Seoul, Corea del Sud)
  91. Paulo Airaudo, Amelia (San Sebastián, Spagna)
  92. Alberto Landgraf, Oteque (Rio de Janeiro Brasile)
  93. Fatih Tutak, turco Fatih Tutak (Istambul, Turchia)
  94. Diego Rossi, Trippa (Milano, Italia)
  95. Capo Fei, Mandarin Oriental (Cantone, Cina)
  96. Mario Sandoval Coca Cola (Madrid, Spagna)
  97. Giuseppe Iannotti, Kresios (Telese Terme, Italia)
  98. Alexandre Mazzia, AM (Marsiglia, Francia)
  99. Dylan Watson Brawn, Ernst (Berlino, Germania)
  100. Marsia Taha Mohamed, Gustu (La Paz, Bolivia)

Vedi: MICHELIN STARS 2022: ELENCO COMPLETO

Seguici su Twitter, Facebook, instagram o ricevi le nostre notizie clicca qui.

Chef, sommelier e consulente gastronomico. Esperto nella gestione di alimenti e bevande nel settore dell’ospitalità, è immerso nel lavoro di consulenza ai ristoranti nello sviluppo di menu, vini, distillati e controllo dei costi. A sua volta, assiste molti brand del settore agroalimentare. La sua formazione nel settore dei servizi è iniziata presso la Scuola Alberghiera di Benalmádena, per poi approfondire le sue conoscenze studiando il “Diploma in Food and Beverage Management” presso CIOMijas e il “Certificato Professionale di Sommelier Internazionale” presso ESHOB. Manu Balanzino è appassionato del mondo della comunicazione, e ha fondato la rivista di gastronomia digitale, The Gourmet Journal, testata di riferimento in ambito gastronomico di cui dirige. Inoltre, è un esperto collaboratore di gastronomia in riviste specializzate come Andalucía de Viaje, El Gourmet (AMC Networks International Latin America) e Diario Sur. Alla radio conduce il programma “Momentos Gourmets” su COPE e in televisione collabora a Canal Cocina, RTV Marbella e Fuengirola TV.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.