Tutti dimenticano perché la politica del non allineamento era buona

“Tutti dimenticano perché la politica di non allineamento era buona. È buona perché dà la posizione di cittadini liberi. Coloro che partecipano a livello globale in un mondo pacifico e ben ordinato che non combattono. Ed è che in queste condizioni si sembra un po’ una favola, ma in questa fiaba dobbiamo ancora credere. Cos’altro crederemmo? Perché non dovremmo essere uno spazio di riconciliazione”, ha affermato il direttore della casa editrice “Clio” Zoran Hamović in Novi dan.

In occasione del discorso di Vučić, ha affermato che il presidente della Serbia, con il suo modo di rivolgersi ai cittadini, annulla un tipo di comunicazione.

“Se hai qualcuno che ci parla costantemente, a un certo punto può andar bene, ma in questo modo nega un tipo di comunicazione che riteniamo valido e valido in un mondo ordinato, e anche in molte circostanze simili di guerra .Non è guerra nel senso di parlarne come qualcuno che vi partecipa, ma è certamente qualcuno che partecipa alle conseguenze.Ed è stato lui a parlare così, di cui parla con una dose di propaganda.Non “Non ha bisogno di giornalisti perché parla costantemente con i cittadini e nessuno è più coinvolto in questa comunicazione”, spiega Hamović.

Gli sembra che tutti abbiano rinunciato a commentare seriamente i discorsi del presidente Vučić.

“Abbiamo un’immagine di false posizioni critiche in cui siamo costantemente contrari. Cosa significa? Ora siamo contro Putin, contro la NATO, siamo ancora contro qualcosa e abbiamo ancora due campi in conflitto tra loro. Ma non stanno pensando, sono solo in conflitto”, ha detto.

Parlando della classificazione della Serbia in politica estera e del lato destro in questo conflitto internazionale, ha affermato che “il lato destro deve essere mostrato”.

“Se noi bambini partecipiamo alla lotta tra i grandi, ciascuna delle nostre classifiche entra effettivamente in una posizione di confronto con l’altra parte. Quindi, esponiamo la nostra posizione partecipando a una battaglia. Se non sbaglio, abbiamo nutrito un cultura della pace nella Jugoslavia socialista e del non allineamento, proprio per questo scopo. Essere operatori di pace. Creare spazio per la pace, non per il conflitto. Essere coloro che forniscono una piattaforma per placare le parti che sono entrate in conflitto”, Hamovic richiamato.

Dice che c’è anche chi pensa che dovremmo unirci da una parte o dall’altra il prima possibile ed essere “di qualcuno”.

“Non voglio credere in un mondo che deve solo flettere un po’ i muscoli. E ora stiamo assistendo all’esistenza di un mondo del genere che ora è sull’orlo del disastro. E a questo punto, voglio credere che no bisognerebbe premere il “pulsante rosso”. “La Serbia sarà uno spazio in cui le due potenze si riconcilieranno”, ha osservato l’ospite H1.

Commentando le relazioni tra la Serbia e l’Unione Europea, ha ritenuto che, data la posizione del Paese, siamo obbligati a perseguire una sorta di politica europea.

“Non si adatta all’Unione Europea, è più vicino al mondo normale. Ma possiamo anche parlare di ciò che non è buono o vicino a noi in questa stessa Unione Europea. È un organismo vivente che funziona e a cui ci adatteremo cosa c’è in questo organismo E non sceglieremo cose che non ci soddisfano… Il pragmatismo ci impone di firmare tutto ciò che è necessario, ma c’è un altro lato che dovrebbe essere molto più incoraggiante, perché se usciamo con un sondaggio ora , Non credo “Più del 35% delle persone ha alzato la mano per l’UE”, ha detto Hamović.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.