Questa è stata la prestazione dei ciclisti colombiani durante la tappa 2 del Giro de Sicilia 2022

Andrés Mancipe entra nella fuga della tappa 2 del Giro de Sicilia 2022. Foto: Twitter Il Giro de Sicilia 2022.

La gara italiana ha concluso la sua seconda giornata dopo 152 km tra Palma di Montechiaro e Caltanissetta dove la montagna è stata protagonista così come i ciclisti colombiani.

Il secondo giorno presentava uno scenario simile al giorno prima, anche se questa volta con gli alpinisti che cercavano di staccarsi presto per conquistare le cime della montagna.

Tra questi Nordal di Biesse Carrera, Kadota di EF Education EasyPost, Lacchi di Team Qhubeka, Burchio di Team Work Service, tra gli altri, così come Andrés Mancipe della Colombia Tierra de Atletas che si è unito al primo gruppo che ha cercato di scappare.

Poiché il gruppo di fughe ha impiegato del tempo per allontanarsi dal gruppo, le squadre favorite hanno risposto all’appello dei loro leader di mantenere una distanza di sicurezza dalla fuga.

Puoi leggere: Miguel Ángel López ha confermato che aspetta il suo secondo figlio

La competizione per questa giornata è stata piuttosto dura poiché il terreno si è complicato con alcune salite e poi discese che hanno dovuto essere affrontate con attenzione per evitare complicazioni e cadute nel lotto.

I ciclisti colombiani della Colombia Tierra de Atletas hanno vissuto un’ottima giornata per le loro condizioni, principalmente alpinisti, dove hanno affrontato grandi ciclisti come Vincenzo Nibali dell’Astana Qazaqstan, Domenico Pozzovivo dell’Intermarché Wanty Gobert, tra gli altri come il vincitore della giornata Damiano Caruso che Pur appartenendo alle fila del Bahrain Vittorioso al Giro de Sicilia, è arrivato come leader della nazionale italiana.

Mancipe e la fuga sono riusciti a stare a più di 3 minuti dal campo principale da dove hanno spinto il ritmo a meno di 50 km per poter gareggiare nella tappa, oltre ad una buona posizione in classifica generale.

Si può leggere: Nuovo referto medico sullo stato di salute di Freddy Rincón: “Le sue condizioni e la sua criticità sono estreme”

Squadre come Eolo Kometa hanno iniziato la caccia a meno di 40 km dal traguardo, contribuendo a colmare il divario tra i due gironi. A 15 km dalla fine mancava un solo corridore: Stefano Gandin del Team Corratec dall’Italia, ma non avrebbe avuto molto lavoro da fare da solo perché il gruppo aveva il piede sull’acceleratore per la gara.

Nell’ultima parte, gli ultimi sono scappati quando sono entrati nella 4 km alla fine e da allora i climber preferiti si sono preparati a fare la loro presentazione per la vittoria. In precedenza, il cafe racer Cristian Rico ha tentato di evadere dal gruppo ma è stato perseguitato.

I boss principali non hanno permesso più fughe e con un ritmo di gara elevato hanno selezionato il più forte per entrare nella Fase 2. Caruso avrebbe vinto lì, seguito da “Messina Shark” Nibali che è entrato 2° e Kenny Elissonde di Trek Segafredo 3°.

Per quanto riguarda i colombiani, il migliore della giornata è stato Edgar Andrés Pinzón della Colombia Tierra de Atletis che è entrato nella decima area con 3 secondi differenza rispetto a Caruso.

13° è stato Daniel Munoz (Tramoggia Drone Androni Giocattoli), 19° Germán Darío Gómez (Colombia Land of Athletes) entrambi a 13″quindi entrato Juan Carlos López dell’Astana Qazaqstan a 17″ al 21° postoseguito da Yeisson Casallas della Colombia Tierra de Atletas a 21″ e al 27° posto.

Diego Alba di Drone Hopper Androni Giocattoli è entrato a 23″ del vincitore di tappa, seguito da Raffaele Pineda che si è piazzato 36° a 25″, ricco cristiano i due colombiani Tierra de Atletitas sono arrivati ​​a 1’31″ in 48° posizione.

Nelson Soto era 85esimo dopo più di 5 minuti e il suo compagno di squadra in Colombia Tierra de Atletis, Andres Mancipe era 90° a 6 minuti e 1 secondo dopo essere rimasto bloccato nella perdita tutto il giorno.

Infine Jhonatan Chaves di D’Amico UM Tools non ha terminato la tappa apparentemente a causa di un ritiro durante la competizione.

CONTINUA A LEGGERE:

Questo è ciò che ha reso il complesso Margarita Rosa de Francisco
Frank Martínez ha spiegato perché non era nella commedia speciale “MasterChef Celebrity Colombia”.
Per farsi fotografare con gli squali, i turisti pagano per attirarli con il cibo sulla costa di San Andrés

Lino Siciliani

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.